Questo è l’appello che vi vogliamo fare: abbiamo bisogno che almeno una cinquantina di famiglie delle nostre parrocchie si rendano disponibili ad aprire la loro casa per ospitare i Centri di Ascolto.

L’impegno che vi chiediamo non è grandissimo: si tratta di offrire per due sere l’ospitalità della propria casa per un momento che durerà al massimo un’ora per la preghiera comune e per l’ascolto della Parola di Dio guidata dal Frate che nelle mattine è passato in quel quartiere, invitando tutti a partecipare a quell’incontro.

Ma la mia casa è piccola? Possiamo fidarci? Ma poi devo offrire qualche cosa ai presenti? Ecco le obiezioni più frequenti. Vorrei sgombrare il campo da simili domande affermando che: basta una sala con una quindicina di sedie, oppure una tavernetta. Le persone che vengono abitano tutte nel tuo quartiere e quindi non c’è da temere nulla. 

Il nostro grazie anticipato a tutti voi.