Scola: «Grazie commosso a voi testimoni simili a quelli del Vangelo. Cooperiamo per non escludere nessuno»

L’Arcivescovo ha presieduto, in un Duomo gremito di migliaia di fedeli, tra cui tantissimi giovani e molte autorità, la Celebrazione eucaristica di ringraziamento per coloro che hanno cooperato alla piena riuscita della Visita di papa Francesco a Milano, lo scorso 25 marzo
«È bello vivere a Milano e nelle nostre terre».
Ovviamente, lo è quando, sotto un cielo di Lombardia bellissimo, è il Papa stesso, che le sta visitando, a dire “Dicono che pioverà, ma io non vedo, per ora”, ma è bello anche se si rende la metropoli sempre più accogliente, aperta e cosmopolita.
Il cardinale Scola lo dice e lo suggerisce, in un Duomo gremito che accoglie volontari, ROL (i Responsabili Organizzativi Locali), Forze dell’Ordine, tanta gente che, a diverso titolo, ha prestato il suo servizio perché il 25 marzo scorso, la presenza di papa Francesco non fosse solo un momento fondamentale ecclesiale e civile, ma anche un successo per il suo svolgersi ordinato.
E così, arriva il «grazie», vibrante di affetto, nelle parole dell’Arcivescovo che pare rivolgersi a ognuno delle migliaia di presenti alla Messa, concelebrata da 4 Vescovi, tra cui il Vicario generale e alcuni Ausiliari, dai sacerdoti, che a livello centrale hanno organizzato l’evento e dai preti che lo hanno vissuto sul territorio. Ci sono i ragazzi con la loro pettorina di riconoscimento, una rappresentanza di fedeli portatori di handicap (molti i non udenti che hanno partecipato alla Giornata e che seguono il Rito con il Linguaggio dei Segni), i Militari, la Polizia di Stato, Sacristi con il loro presidente diocesano, Cristian Remeni, i rappresentanti di tante realtà, aziende e associazioni. Non hanno voluto mancare le più alte autorità locali:il sindaco di Milano, Giuseppe Sala e il collega di Monza Roberto Scanagatti, il prefetto del capoluogo, Luciana Lamorgese e di Monza, Giovanna Vilasi, il questore Marcello Cardona.
A tutti si rivolge il Cardinale, richiamando, in riferimento alla pagina di Luca appena proclamata,  i testimoni della Risurrezione di 2000 anni fa e i testimoni di oggi. «Grazie perché siete stati simili testimoni come quelli del Vangelo, proprio per il vostro impegno nell’organizzare questo prezioso evento. Esprimo tutta la riconoscenza della Diocesi e mia personale. Grazie a tutti coloro che hanno prestato la propria attività professionale, a diversi livelli, a tutte le realtà che con i loro servizi hanno collaborato alla buona riuscita della Giornata e a chi ha contribuito a sostenere economicamente l’evento. Un particolare ringraziamento va a quanti hanno preparato l’accoglienza di Papa Francesco alle Case Bianche, in Duomo, a San Vittore, a Monza e a San Siro».
Tanti momenti, tutti emozionati, di cui rimane, a ricordo anche un libro fotografico, con tanti bellissimi scatti di diverse mani, che viene donato a conclusione della Celebrazione unitamente alla ricercatissima sciarpa indossata e agitata dai pellegrini il 25 marzo. «Un piccolo segno di  gratitudine della Chiesa ambrosiana», nota l’Arcivescovo.
Il pensiero non può che tornare a quel sabato di quasi un mese fa. «La presenza reale, in carne e ossa, del Risorto tra di noi, attraverso la vita della Chiesa, trova in noi oggi, dopo il 25 marzo, una forza di convinzione nuova. Il dono della Sua pace, che è il frutto più sorprendente della salvezza operata da Gesù nella nostra vita, evoca ai nostri occhi e al nostro cuore parole e fatti sguardi e gesti di quel giorno. Da questa pace sperimentata sprigiona una speranza nuova e indomita, anche dentro l’attacco del male che in questi giorni sembra essersi fatto ancora più feroce».
Il riferimento è alla frase pronunciata da Francesco, e citata dal cardinale Angelo, tra le stesse navate della Cattedrale; “Accendete la speranza spenta e fiaccata da una società che è diventata insensibile al dolore degli altri”.
Un dono e un compito preciso, questo: «Il Papa ha risvegliato in noi la consapevolezza gioiosa e fiera di essere un popolo»: “Un popolo chiamato a ospitare le differenze, a integrarle con rispetto e creatività e a celebrare la novità che proviene dagli altri; un popolo che non ha paura di abbracciare i confini, le frontiere; un popolo che non ha paura di dare accoglienza a chi ne ha bisogno perché sa che lì è presente il suo Signore”, scandisce ancora Scola, rileggendo, questa volta le espressioni del Santo Padre dell’omelia al Parco di Monza.
«Di questa esaltante lettura, a un tempo religiosa e civile, che papa Francesco ha dato, siamo profondamente grati e altrettanto profondamente ce ne sentiamo responsabili. Per ogni cristiano maturo, per donne e uomini di altre fedi e di buona volontà, infatti, non c’è dono che non diventi compito».
Poi, il pensiero è per Milano: «Continuiamo lo sviluppo integrale di Milano e delle terre ambrosiane che la presenza del Papa ha reso evidente, dono e compito che ci attende. Famiglie, Corpi intermedi, Istituzioni di ogni ordine e grado, il popolo rendano Milano realmente cosmopolita, accogliente, costruttiva. È bello vivere a Milano e nelle nostre terre. La vita pulsa nelle vene di questa nostra metropoli. Con equilibrio politico, civile e culturale, offriamo questa possibilità a quanti la chiedono, a partire dagli esclusi della terra. Per far questo bisogna vincere del tutto la frammentazione. Senza pluriformità nell’unità non c’è pace, non c’è gioia».
Monito che è anche un augurio e un auspicio, che tornano alla fine dell’Eucaristia, questa volta richiamando la grande storia della Chiesa ambrosiana, resasi ancora una volta evidente di fronte al Pontefice: «Oggi ricorre il Transito e la Deposizione di sant’Ambrogio avvenute nel 397: è impressionate vedere quanto la personalità di questo grandissimo Santo, insieme a san Carlo e a molti altri, abbia inciso su tutta la nostra città. Il gesto che abbiamo compito stasera, di cui sono commossamente grato, è un’espressione di questa capacità, che Ambrogio ebbe, di unire la dimensione religiosa e civile. Certo, i tempi sono molto cambiati, le condizioni sono diverse, la società è plurale, ma come cristiani, credenti in altre fedi, come non  credenti – se diciamo tali – dobbiamo tutti, per il fatto di essere insieme, cooperare all’edificazione della città attraverso una vita buona che, per esser tale, non può e non deve escludere nessuno».

di Annamaria Braccini, chiesadimilano.it

Pubblicato giovedì 20 Aprile 2017
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Widget not in any sidebars

Parrocchia San Giorgio Martire
Arcidiocesi di Milano
Via Risorgimento, 2 (Via Amuzio, 1) – 22070 Lurago Marinone (CO) – Tel. 031935823 – Email. segreteria@parrocchialuragomarinone.it
Riproduzione solo con permesso. Tutti i diritti sono riservati

Ti invitiamo a leggere attentamente la nostra Privacy Policy e la nostra Cookie Policy e ad accettarne le condizioni prima di procedere. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Ti invitiamo a leggere attentamente la nostra Privacy Policy e la nostra Cookie Policy e ad accettarne le condizioni prima di procedere.

Chiudi